+ - =
+/-
OMCI - Organismo di Mediazione

Omci - Organismo di Mediazione e Conciliazione Italia

16
Giugno
2021

Difformità tra istanza di mediazione e atto di citazione.

Tribunale di Verona, sentenza 26.04.2021 – Giudice Estensore Dott. Massimo Vaccari;

Sintesi: In una vertenza in materia bancaria, l’Istituto di Credito convenuto eccepiva la parziale improcedibilità della domanda attorea per mancato esperimento del procedimento della mediazione obbligatoria relativamente ad alcune su alcune voci di danno indicate nell’atto di citazione, ma non In precedentemente dedotte e quindi rimaste estranee al procedimento di Adr.

Il Tribunale di Verona ha rilevato l’infondatezza della predetta eccezione per i seguenti motivi:

  • ai sensi dell'art. 4, comma 2, del D. Lgs. n. 28/2010, l'istanza di mediazione deve indicare l'organismo di mediazione e le parti, l'oggetto e le ragioni della pretesa;
  • la difformità tra oggetto e ragioni della istanza di mediazione e quelli del conseguente giudizio, che comporta il difetto della condizione di procedibilità, è rilevabile quando nel giudizio di merito la domanda non solo abbia un petitum più ampio, anche solo in punto di quantum, di quello della istanza di mediazione ma quando si fondi anche su fatti costituitivi ulteriori rispetto a quelli dedotti nella fase stragiudiziale;
  • diversi precedenti giurisprudenziali (Trib. Mantova 23.1.2019; Trib. Pordenone 18.02.2019; Cass. n. 29333 del 13.11.2019) interpretano la sopra menzionata normativa, ritenendo che l’obbligo di indicare l’oggetto e le ragioni della pretesa riguardi il nucleo più significativo o rilevante della controversia e non le domande accessorie;
  • nel caso di specie, l’istante aveva individuato nell’istanza di mediazione la propria richiesta risarcitoria e l’aveva poi ampliata nel quanto nel successivo giudizio, senza però modificare la sua causa petendi e nemmeno il nucleo dei fatti storici posti a fondamento di essa.
E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Mercoledì, Giugno 16 2021
  
13
Giugno
2021

Omci, Organismo di Mediazione e Conciliazione Italia;

“La Pace è un bene comune, essa deve partire dalle nostre Famiglie”.

Papa Francesco;

“La Mediazione è un Diritto di tutti, basta Uscire dagli schemi rigidi che abbiamo, è un Valore Aggiunto e come tutti i Valori ci andrà un po’ a capirlo, ma una volta Compreso nessuno vorrà più farne a meno”.

Claudio Salusso;

Ti piacerebbe entrare nell’élite dei mediatori e trasformare la tua professione affermandoti nel settore della mediazione professionale?
Come molti tuoi colleghi in Italia stanno facendo, hai finalmente la possibilità concreta di veder crescere il numero delle tue mediazioni, aumentare i tuoi margini di guadagno e liberare più tempo per te e per ciò che più ami.
Ma se non hai questi requisiti non fa per te, unico costo che si ha divenuto mediatore è la quota annuale obbligatoria, comprensiva si Assicurazione ed il corso di aggiornamento biennale.Tutto con prezzi tra i migliori in assoluto.

COSA CHIEDIAMO

Il candidato ideale ha una forte motivazione ad acquisire tecniche e strategie utili nella gestione del conflitto e disponibilità alla formazione continua. È dotato di una spiccata attitudine comunicativo-relazionale e di una buona dose di proattività imprenditoriale per diffondere e promuovere la cultura della mediazione presso potenziali clienti e colleghi.

COSA TI OFFRIAMO

Corso di Formazione da 50 ore con esame finale di 4ore ad un prezzo Ottimo.; Formazione Continua e un ottima percentuale sulle Mediazioni;

PERCHé CONVIENE?

Se interessato non attendere oltre in quanto a breve ci sarà una nuova riforma e le ore di Formazione principali aumenteranno parecchio cosi come i corsi.  (ecco il motivo per cui quasi tutti gli avvocati si stanno adeguando divenendo Mediatori, questo vi servirà per essere iscritti all'organismo e all'albo Mediatori tenuto presso il Ministero della Giustizia. (Potrete in questo modo sia fare a consulente difensore, sia il Mediatore);

Omci ricerca costantemente Mediatori e nuove sedi (In particolare su Milano, Lombardia Tutta e Responsabili di sede, Cuneo, Sardegna, etc. da inserire nel proprio organico, possibilmente motivati). I Requisiti sono quelli richiesti dalla Legge, cerchiamo tutte le Figure che abbiano a che fare con la Mediazione civile, commerciale, familiare. Se avvocati si accettano solo avvocati civilisti, preparati, non di parte e Motivati. Essenziali sono poi i Commercialisti, Notai, Dr. Geometri, Consulenti del avoro, Esperti della comunicazione "senza questa non si va da nessuna parte" etc. Se senza corso lo facciamo noi, non prima di aver superato un colloquio orale della durata di 30 Minuti, superato questo inizierete il corso (dove sarà Vietato l'uso di cellulari o altro che distrae), avrete 30 minuti pausa e una volta finito il corso dovrete fare un esame scritto e Orale di 4 ore, se passerete Riceverete l'attestato da Mediatore Professionista di 50 ore, e successivamente potrete iscrivervi al nostro organismo e di conseguenza sarete abilitati e iscritti all'albo dei Mediatori, se interessati scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Si rammenta che a partire dal 14 Giugno, (salvo altri DPCM), i corsi saranno svolti solo più in aula cosi come da Decreti, lo stesso per le mediazioni: L'importante è rispettare le distanze, usare la Mascherina, Areare bene, Prendere la febbre e far lavare mani con i detergenti appositi. Scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. se interessato.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Domenica, Giugno 27 2021
  
06
Giugno
2021

Comunicazione dell'istanza e dies a quo per l'interruzione della decadenza per impugnare una delibera condominiale;

Tribunale di Roma 23 febbraio 2021, Estensore Sebastiano Lelio Amato

SINTESI: La comunicazione dell’istanza di mediazione veniva notificata al Condominio in data successiva ai 30 giorni dal giorno dell’assemblea (a cui l’istante aveva partecipato).
Parte attrice ha sostenuto che la presentazione tempestiva dell'istanza sarebbe sufficiente ad evitare la decadenza, non potendosi, anche alla luce di una interpretazione costituzionalmente orientata della norma cit. [art. 5, comma 6, Dlgs 28/2020 ndr], ritenere che i ritardi di un terzo (l'Organismo di mediazione) nella individuazione del mediatore e nella fissazione dell'incontro possano comportare conseguenze pregiudizievoli a carico dell'istante che, da parte sua, ha rispettato il termine.
Il giudice rileva che “la disposizione cit. [art. 5, comma 6, Dlgs 28/2020 ndr] riferisce l'effetto "impeditivo" della decadenza alla comunicazione dell'istanza, e non al mero deposito, e ciò è conforme alla presumibile ratio della norma, che è quella di permettere all'amministratore ed al Condominio di avere certezza, in un termine breve, riguardo al fatto che le delibere adottate dall'assemblea siano state impugnate ovvero si siano consolidate, al fine di poter congruamente determinarsi in ordine alle ulteriori attivita` esecutive e gestorie.”
Secondo il magistrato romano “Dare rilevanza al deposito dell'istanza presso l'organismo di mediazione, e non alla relativa comunicazione al Condominio - che potrebbe venirne a conoscenza diversi giorni dopo la scadenza del termine - frusterebbe la ratio sopra indicata.”.
Pur dando atto di opinioni discordanti in giurisprudenza, il magistrato ricorda che l’art. 8, comma 1, Dlgs 28/2010 “prevede che la stessa parte interessata possa comunicare all'altra la domanda di mediazione”. Dunque la stessa parte istante avrebbe potuto “introdurre la mediazione e, contemporaneamente, comunicare l'avvio della procedura al Condominio, senza necessariamente attendere che l'Organismo di mediazione provveda per conto proprio alla fissazione dell'incontro e alle comunicazioni”. Probabilmente solo OMCI e pochi altri, fanno tutte le notifiche senza che le parti abbiano questo problema. Provate Omci e vi sentirete come a casa vostra!

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Lunedì, Giugno 07 2021
  
03
Giugno
2021

La mancata partecipazione al procedimento di mediazione è sempre sanzionabile;

SINTESI: Secondo il Tribunale di Torino, la parte che non partecipa alla procedura di mediazione deve essere sempre condannata al pagamento di una somma, pari al contributo unificato per il giudizio. Difatti, la sanzione suindicata “prescinde dall’esito del giudizio p e la cui ratio risiede nella violazione di quello che è ormai un principio immanente dell’ ordinamento giuridico e cioè che la partecipazione alla mediazione è un valore in sé, a prescindere dal merito e quindi dal convincimento di non dover incorrere nella soccombenza”.

Pqm

Il Tribunale, decidendo nel procedimento iscritto nel RG al n. …./19, ogni contraria istanza, eccezione e deduzione respinta o dichiarata assorbita o inammissibile, così provvede:
Rigetta le domande formulate da S. di B. e C. sas; Condanna S di B. M. e C. sas, in persona del legale rappresentante pro tempore, a rimborsare la Banca…, in persona del legale rappresentante pro tempore, le spese del giudizio, che liquida in euro 7.254,00, oltre IVA e cpa come per legge e rimborso forfettario nella misura del 15%;
Pone le spese di ctu, come già liquidate, a definitivo carico di S. di B. M.X e C. sas, in persona del legale rappresentante pro tempore; Condanna Banca … , in persona del legale rappresentante pro tempore, a versare all’ entrata del bilancio dello Stato una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il presente giudizio.
Torino, 23.3.21

Il Giudice Dott.ssa Gabriella Ratti

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Giovedì, Giugno 03 2021
  
28
Maggio
2021

Valida la vendita concordata in mediazione;

Sintesi: L'accordo raggiunto a seguito di mediazione, con cui viene deciso che una parte venda all'altra la propria quota dell'immobile in comunione, ha natura contrattuale e, seppur non trascritto nei registri immobiliari, ha comunque l'effetto di impegnare le pari realizzando l'efficacia traslativa convenuta in sede di mediazione. Pertanto, il comunista che si è impegnato in tal senso non ha "legitimatio ad causam" nel giudizio di divisone giudiziale, stante il difetto di contitolarità del bene oggetto di comunione.  Lo ha chiarito il Tribunale di Lecce nella sentenza n. 1419/2021 pronunciandosi a seguito dell'istanza di una donna che aveva adito le vie legali per ottenere la divisione giudiziale di un immobile che lei e i suoi fratelli e sorelle avevano ricevuto in eredità dal padre. L'attrice sottolinea di aver richiesto più volte la divisione bonaria del bene senza esito alcuno e per questo ha deciso di rivolgersi al Tribunale. Una delle sorelle chiamata in giudizio eccepisce tuttavia la carenza di legittimazione dell'attrice per per difetto di contitolarità del bene oggetto di comunione. Ciò in quanto, a seguito di mediazione, l'attrice le aveva venduto le proprie quote ideali del bene di cui è causa, ricevendo contestualmente anche la somma di 5mila euro a titolo di caparra confirmatoria.


E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Venerdì, Maggio 28 2021
  
25
Maggio
2021

OMCI, Specialisti nella Mediazione e nella Formazione Continua dei Mediatori!!!

La Mediazione Civile e Commerciale non deve essere Vista come un sacrificio, una privazione di un diritto, ma al contrario, Vi evita anni in Tribunale; è una nuova Prassi stragiudiziale ed in Italia le cose nuove fanno sempre Paura, (all'estero esistono da decenni), anche se sono "Tutte a Favore del Cittadino" come in questo caso,  le ADR (Mediazione in Particolare), saranno sempre più il Futuro della Risoluzione Alternativa  delle controversie Civili e Commerciali, quando Lo proverete Tutti lo capirete, cambiando in primis la mentalità rigida che tutti un pò abbiamo in Italia, comprenderete che la Mediazione non è un sacrificio, ma al contrario,  niente più anni passati in Tribunale, tutto in Mani vostre e con il Credito d'imposta il costo è praticamente nullo, e cosa importantissima, il Verbale se Accordato, Firmato, dagli avvocati Consulenti, Dalle Parti e dal Mediatore ha valore Giudiziale, in quanto è a tutti gli effetti equipollente ad una sentenza di 1° Grado; cosa Volere di più!!! Non si deve mai dimenticare di Pagare tutte le indennità come scritto nelle Leggi, Nel Regolamento, nei vari modelli istanza in quanto non pagare nei tempi previsti comporta ovviamente conseguenze Rilevanti, in quanto l'organismo, i Mediatori, ecc, Vanno tutti pagati in tempi rapidissimi. La Mediazione inoltre è un Lavoro/Missione/Passione che non potrà mai essere svolto da algoritmi come presto invece sarà per altre professioni. Per questo OMCI continua a ricercare Mediatori da inserire nel proprio organico: Mediatori che devono essere Motivati, Saper cercare, portare Mediazioni, essere specializzati e Appassionati, Se avvoCATI OMCI ACCETTA SOlO AVVOCATI CIVILISTI, LE ALTRE SPECIALISTICHE NON PREPARANO ALLA MEDIAZIONE.  Non esitare quindi a contattarci su Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , La Mediazione sarà sempre di più la professione del Futuro e ci saranno anche notevoli cambiamenti sulla normativa a favore di tutti gli attori della Mediazione per favorirla sempre di più, proprio per questo i nostri Mediatori sono aggiornati in modo continuato, Vieni anche tu con noi, non attendere troppo, ma fallo subito e ricordate di controllare sempre che l'organismo sia anche ente di Formazione e abilitato dal Ministero della Giustizia attraverso la piattaforma https://mediazione.giustizia.it

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Sabato, Giugno 05 2021
  
21
Maggio
2021

ECCO LA MEDIAZIONE DEI NOSTRI CUGINI FRANCESI, UNA DELLE PRIME NATE: LA MEDIAZIONE CIVILE COME SCIENZA UMANISTICA;

Secondo il modello teorico francese denominato “mediazione umanistica”, la mediazione deve essere intesa come un nuovo spazio creato nella società contemporanea in grado di accogliere al suo interno il dolore, la sofferenza, emozioni e sentimenti delle parti in conflitto; in particolare, tale modello teorizzato da più Umanisti tra i quali Jacqueline Morineau prevede che il momento più importante della procedura mediativa sia rappresentato dall’incontro tra i due soggetti coinvolti, i quali, dopo aver esternato le reciproche emozioni, saranno supportati dal Mediatore nella ricerca dell’origine del conflitto. La mediazione umanistica individua, poi, quale sua principale finalità la promozione della cultura della pace e la risoluzione pacifica dei conflitti. Nel percorso formativo di mediazione – tanto importante e indispensabile per tutti noi mediatori – ho avuto modo di conoscere un aspetto della mediazione che ho trovato molto interessante, ossia il modello francese denominato mediazione umanistica”, teorizzato da Jacqueline Morineau.
Questo modello si caratterizza proprio per la prospettiva umanistica, che intende la mediazione come un nuovo spazio creato nella società contemporaneaall’interno del quale è possibile accogliere la sofferenza, le emozioni, il dolore delle parti in conflitto, al punto che la mediazione viene accostata alla tragedia greca.
“Mediazione” per la Morineau prende il nome dalla posizione assunta dal mediatore, che si pone “tra” le due parti in conflitto, al fine di aiutarli a trovare l’origine del conflitto. Questo è necessario perché nella condizione del conflitto le parti smettono di comunicare, i loro discorsi sono dei monologhi che non fanno altro che accentuare il senso di solitudine, la separazione.
Poiché il conflitto è ineliminabile, così come la violenza che si manifesta in ogni situazione di opposizione, l’unico obiettivo perseguibile è la trasformazione della situazione conflittuale in una dimensione pacifica.
Il conflitto è regolato dall’ordinamento giuridico nel momento in cui porta alla violazione dell’ordine sociale. Quando però i conflitti riguardano i rapporti personali delle parti coinvolte, se non hanno uno spazio in cui poter trovare espressione, rischiano di diventare importanti e portare alla violazione di norme giuridiche.
Per la mediazione umanistica - proprio per questo tipo di conflitti - è molto utile ricorrere alla mediazione in via preventiva, cioè prima che si entri nel circuito giudiziario, poiché per la Morineau “La punizione non può essere la giusta risposta o la sola risposta alla violenza”.
Nel pensiero della Morineau il conflitto non è altro che il passaggio da una situazione di ordine a una di disordine, creata dall’incapacità dell’uomo di accettare il disordine di una nuova situazione, tale incapacità impedisce all’uomo di superare la situazione di conflitto.
In questo contesto la mediazione si inserisce come luogo per accogliere il disordine individuale e collettivo.
Ed infatti il momento più importante nel processo di mediazione è costituito dall’incontro dei due soggetti in conflitto, perché nel contesto della mediazione le parti riescono a trovare lo spazio e il tempo per rappresentare i loro sentimenti, mediante la ricostruzione di tutte le fasi del conflitto.
Durante la mediazione i due mediati si trovano in una situazione bloccata, non riescono a superare il loro conflitto; scopo della mediazione è riattivare la comunicazione tra i due soggetti e superare la situazione d’impasse e questo secondo la mediazione umanistica lo si può raggiungere solo proponendo la mediazione come luogo in cui la violenza reciproca possa dirsi e trasformarsi, reintegrando il disordine.
Chiaramente la composizione del conflitto sta alla base di ogni procedimento di mediazione, ma nella mediazione umanistica la finalità perseguita è proprio la promozione della cultura della pace, della risoluzione pacifica dei conflitti, in una Società come la nostra che non ha più posto per accoglierli ma che non riesce comunque ad evitarli.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Lunedì, Maggio 24 2021
  
19
Maggio
2021

Quando La mediazione viene avviata oltre il termine assegnato dal Giudice rende improcedibile la domanda giudiziale.

Tribunale di Napoli Nord, Giudice Estensore Dott. Luciano Ferrara, sentenza del 02.03.2021.

SINTESI: In caso in esame riguarda una controversia relativa ad un contratto bancario ed alla contestazione degli interessi applicati, la cui azione giudiziale deve essere preceduta dall’esperimento obbligatorio di mediazione ex art. 5 D. Lgs. 28/2010 e successive modifiche ed integrazioni.
Il Giudice assegnava alla parte attrice termine di 15 giorni per l’instaurazione del procedimento di mediazione che, evidentemente, non era stato precedentemente attivato.
La parte onerata non depositava in giudizio il verbale di mediazione e la parte convenuta eccepiva l’improcedibilità della domanda giudiziale.
Pertanto, il Giudice rinviava la causa al fine di consentire all’attore di dimostrare di aver tempestivamente avviato il procedimento di mediazione.
Parte attrice depositava il verbale di mediazione negativo, dal quale però si evinceva che la mediazione era stata instaurata dopo il termine di 15 giorni concesso dal Tribunale.
Parte attrice non aveva, quindi, rispettato il termine assegnato dal Giudice e aveva di fatto colpevolmente determinato il mancato esperimento della mediazione entro l’udienza fissata per la verifica della condizione di procedibilità.
Per tale ragione, il Tribunale di Napoli Nord ha dichiarato l’improcedibilità della domanda per il tardivo esperimento della procedura di mediazione obbligatoria prevista dall’art. 5, comma 1 bis, D.lgs. n. 28/2010, con assorbimento di ogni ulteriore questione e condanna di parte attrice al pagamento delle spese legali in favore della parte convenuta.
Ciò anche in virtù della pronuncia n. 4919 del 04.07.2019 della Corte d’Appello di Milano, secondo la quale "In tema di mediazione obbligatoria, poiché la condizione di procedibilità si considera, per espressa disposizione di legge, avverata solo dopo che si sia tenuto il primo incontro davanti al mediatore, la domanda deve essere dichiarata improcedibile quando il suo mancato effettivo esperimento dipenda dalla colpevole inerzia della parte che abbia presentato la domanda di mediazione ben oltre tale termine all'uopo dato dal giudice”. Quando poi ci si presenta ma senza continuare si applicano le sanzioni pecunarie alla Parte che non ha voluto continuare.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Domenica, Maggio 23 2021
  
17
Maggio
2021

Riforma della giustizia civile: le principali novità

Potenziamento degli ADR, nuove misure per l'efficienza e la riduzione dei tempi del giudizio, rito unico in materia di famiglia, persone e minori. Dal potenziamento degli ADR al riordino delle disposizioni per garantire l’efficienza del processo civile, dimezzando i tempi del giudizio, fino alla previsione di un rito unico in materia di famiglia, persone e minori: le principali novità del maxiemendamento di riforma della giustizia civile.

Potenziamento della mediazione

Tra gli interventi proposti spicca il potenziamento degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie (c.d. ADR – Alternative Dispute Resolution) da esperire anche con modalità telematiche.

Quanto alla mediazione civile e commerciale, che nel corso del 2020 ha registrato ottimi risultati, l’emendamento la incentiva sotto diversi profili.

Viene incrementato e semplificato il regime degli incentivi fiscali, già previsti agli artt. 17 e 20 del D.lgs. 28/2010, intervenendo, tra l’altro, sulla misura dell’esenzione dall’imposta di registro, sul regime delle spese di avvio della procedura di mediazione e delle indennità spettanti ai vari organismi e sulla procedura di riconoscimento del credito d’imposta, che viene semplificata, estendendo il credito anche al compenso dell’avvocato e al contributo unificato sostenuto dalle parti.

Vengono inoltre ampliate le ipotesi di ricorso alla mediazione obbligatoria, comprendendo i contratti di associazione in partecipazione, di consorzio, di franchising, d’opera, di rete, di somministrazione, di società di persone e di subfornitura.

E’ infine prevista la possibilità per le parti di stabilire che la consulenza tecnica disposta in mediazione possa essere prodotta in giudizio e liberamente utilizzata dal giudice. Fonte Altarex

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Lunedì, Maggio 17 2021
  
15
Maggio
2021

Nel procedimento di sfratto, dopo il mutamento del rito, la mancata produzione del verbale di mediazione comporta l’improcedibilità della domanda giudiziale.

Tribunale di Palermo, sentenza 08.03.2021 – Giudice Estensore Dott. Fabrizio Zagarella

Sintesi: Il caso in esame riguarda un procedimento di convalida di sfratto per morosità, mutato in procedimento a cognizione piena, nel quale le parti non hanno prodotto in giudizio il verbale di mediazione.
Il Tribunale di Palermo ha evidenziato che ciò non può causare la cancellazione della causa tout court.
Invece, è opportuno addivenire ad una sentenza breve ex art. 429 c.p.c., con la quale venga dichiarata l’improcedibilità della domanda attorea, anche in virtù del disposto di cui all’art. 5, commi 1-bis e 4, del D. Lgs. 28/2010 e successive modifiche.
Per tali ragioni, l’Autorità Giudiziaria adita si è pronunciata, dichiarando improcedibile la domanda dell'attrice per difetto di prova del disposto obbligatorio procedimento di mediazione conciliativa e compensando integralmente le spese di lite tra le parti.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Sabato, Maggio 15 2021
  

Altri articoli...

Pagina 5 di 8

Copyright © 2021 Omci - Organismo di Mediazione e Conciliazione Italia. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.